Cerca
Close this search box.
Cerca
Close this search box.
0%
Premi per ascoltare

Arriva il primo progetto italiano di Data-Volumes su temi archeologici

Parte dal Laboratorio MAPPA dell’Università di Pisa, che si occupa di metodologie digitali applicate all’archeologia, il primo progetto italiano di Data-Volumes, con una serie di pubblicazioni tematiche aperte ai contributi di tutti coloro che lavorano nel campo archeologico. Un Data-Volume, che riprende i più avanzati progetti internazionali di condivisione dei dati della ricerca archeologica, è un tipo di pubblicazione che unisce un livello più tradizionale di sintesi interpretativa, in cui l’archeologo illustra i dati raccolti all’interno di un quadro di ricostruzione storica, a un livello più innovativo, in cui pubblica i dati di scavo (i cosiddetti “dati grezzi”), che sono alla base delle interpretazioni e delle ricostruzioni proposte. “Il nostro laboratorio – spiega la professoressa Maria Letizia Gualandi, responsabile di MAPPA – lancia una nuova sfida al mondo archeologico italiano, quella di raccontare le proprie scoperte, condividendone liberamente i dati affinché chiunque – funzionari del MIBACT, ricercatori, studiosi, professionisti, appassionati e curiosi – possa usufruirne per contribuire ad ampliare e rilanciare il valore del patrimonio archeologico nazionale. Del resto MAPPA è, fin dalle origini, all’avanguardia nell’opera di diffusione della cultura open data dei beni archeologici e ha creato il primo e unico repository italiano di dati archeologici aperti: il MOD (Mappa Open Data archaeological archive)”. I volumi, provvisti di codice ISBN come qualunque pubblicazione a stampa, saranno rilasciati gratuitamente in formato digitale open access o potranno essere acquistati in formato cartaceo con modalità print on demand. I dati di scavo, parte integrante di ogni contributo, saranno pubblicati come open data nell’archivio MOD e vedranno riconosciuta la piena paternità intellettuale di ciascun autore attraverso l’uso di licenze CC-BY e CC-BY-SA e mediante l’attribuzione permanente di codici DOI. Il primo Data-Volume, intitolato MAPPA DATA Note 1, sarà dedicato alla scoperta del sottosuolo delle città italiane: i contributi dovranno arrivare entro il 6 aprile e l’uscita è programmata per giugno, in occasione dell’annuale convegno pisano “Opening the Past”.Il testo della call è su:http://mappaproject.arch.unipi.it/?page_id=3060. Per maggiori informazioni: www.mappaproject.org

Ultimi articoli

Sono 29 le città che hanno un buon livello di maturità digitale

Auto elettriche, in arrivo nuove tasse 

Presentata la Carta di Trieste per l’Intelligenza Artificiale

Calendario eventi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Skip to content