Cerca
Close this search box.
Cerca
Close this search box.
0%
Premi per ascoltare

Gli studenti dell’Università di Bologna sostengono sui social “Comuni-chiamo”, la app amica del cittadino

Stop alle lunghe code agli Urp del vostro Comune o alle interminabili telefonate con gli operatori della Pubblica Amministrazione. Adesso per fare una segnalazione basta scaricare una semplice applicazione. Si chiama “comuni-chiamo” ed è stata realizzata da una innovativa start up, nata in Emilia Romagna. La app adottata già da cinquanta comuni italiani permette di annullare la distanza tra Pubblica Amministrazione e cittadini moltiplicando gli occhi che controllano il territorio.

Il funzionamento della App è molto semplice. Scaricandola sul proprio smartphone o sul tablet chiunque ha la possibilità di segnalare ad esempio la presenza di una buca sulla strada, un lampione che non funziona, un animale che si è perso per strada inviando se possibile anche una foto del luogo preciso dove c’è qualcosa che non va. L’input arriva direttamente ai tecnici del Comune che hanno così la possibilità di intervenire subito informando chi ha inviato la segnalazione degli stati di avanzamento dei lavori fino a che il tutto non viene ultimato.

I cittadini hanno poi a possibilità di valutare e commentare il risultato finale in maniera da dare alla Pubblica Amministrazione anche un feed-back immediato del lavoro svolto.

Il sistema dà anche la possibilità di aggregare le varie segnalazioni dando così la possibilità alla squadra tecnica di vedere quale di queste i cittadini ritengono più importante e dare così un ordine di priorità.

“Comuni-chiamo” è anche un punto di riferimento importante da sfruttare all’interno della PA. Le attività infatti sono automaticamente salvate e comunicate ai colleghi, informazioni sempre disponibili per tutti con statistiche in tempo reale. In poche settimane di utilizzo sono già oltre 20.000 i problemi segnalati dai cittadini e risolti dagli operatori dei vari Comuni.

L’iniziativa è piaciuta anche ad un gruppo di studenti dell’Università di Bologna che stanno portando avanti su questo una vera e proria campagna promozionale su You Tube e Twitter.

Ultimi articoli

A Siena una giornata dedicata alle buone pratiche della sanità territoriale 

Eye Tracking e non solo: Apple svela alcune funzioni di iOS 18

AI Act, semaforo verde dal Consiglio UE alla prima legge al mondo 

Calendario eventi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Skip to content