Cerca
Close this search box.
Cerca
Close this search box.
0%
Premi per ascoltare

Da Pc e smartphone: il servizio idrico è on line. Acque Spa rilancia i servizi via web e app

Facile, sicuro, ovunque. Questo lo slogan della campagna che Acque SpA, il gestore idrico del Basso Valdarno, ha predisposto per informare i cittadini sui nuovi strumenti on line gratuiti messi a disposizione per poter gestire anche da casa, dall’ufficio, nel tempo libero la propria utenza o il proprio accesso al servizio idrico. Acque.net e i contenuti della campagna informativa sono stati presentati durante una conferenza stampa da: Marco Filippeschi, Sindaco di Pisa, Alessandro Mazzei, Direttore Autorità Idrica Toscana, e Giuseppe Sardu, Presidente di Acque SpA.#1

Fare un salto di qualità nel rapporto con i propri utenti: questo uno dei principali obiettivi portati avanti dal Gestore nel corso degli ultimi anni affinché le esigenze di cittadini e utenti – in termini di trasparenza, completezza, semplicità – fossero in primo piano. Per questo Acque SpA da un lato ha potenziato e innovato i servizi tradizionali come gli uffici al pubblico e call center, ampliandone l’accesso e semplificando al massimo il sistema delle pratiche, dall’altro ha puntato sull’introduzione degli strumenti online e i servizi personalizzati via web come sportello online, bolletta elettronica, avvisi di interruzione idrica via email e sms. Sicuramente questa svolta ha portato ad esiti positivi, a testimoniarlo le tante indagini di soddisfazione, compiute anche dalle autorità di controllo, che confermano risultati che spiccano anche nel confronto con altri operatori del settore e non manca di mostrare aspetti di autentica eccellenza: il 94,5% degli utenti si dichiara soddisfatto con un voto medio di 7,4, calano costantemente i reclami e il rispetto della Carta dei Servizi è prossimo al 100%, il tempo medio di attesa agli sportelli è di poco superiore ai 6 minuti solo per citare alcuni esempi.

La realizzazione del nuovo sito internet aziendale nell’ultimo anno ha consentito di sviluppare ulteriormente i servizi on line già presenti e di introdurne di nuovi. Per Acque SpA si tratta di rispondere a quella crescente fascia di popolazione che chiede di accedere ai servizi tramite smart utilities senza doversi per forza recare negli uffici dedicati, fare code o dover chiamare un call center. Così è nato Acque+: un ambiente web dove, attraverso la registrazione, è possibile gestire l’utenza (bollette, pagamenti, consumi idrici, variazioni contrattuali, auto-lettura ecc.) oppure attivare servizi come un nuovo contratto o gli avvisi di interruzione idrica via email o sms.

iAcque, invece, è l’applicazione per tablet e smartphone, dove oltre alle principali funzionalità di Acque+ si può accedere a ulteriori servizi come l’aggiornamento in tempo reale delle interruzioni idriche, le news, la mappa interattiva dei fontanelli, l’accesso rapido ai canali di comunicazione e molto altro ancora. Presto, inoltre, sempre attraverso iAcque sarà possibile visualizzare le caratteristiche dell’acqua potabile nel punto in cui ci troviamo o segnalare guasti sulla rete idrica fornendo in modo semplice dettagli, posizione e immagini della perdita.

acquepiu-bozzadepliant-tracciati-2iAcque è la prima app realizzata da un gestore idrico toscano che integra le funzionalità tipiche dello sportello online con accesso riservato, e una delle prime in Italia.

Tutte le informazioni su Acque+ e iAcque sono su www.acque.net/acquepiu.

La scelta di affiancare agli strumenti di prossimità con gli utenti più consolidati servizi on line e che utilizzano dispositivi tecnologici risponde non solo a soddisfare la domanda diversificata degli utenti, ma anche ad rendere più efficaci i processi aziendali e a ridurre l’impatto ambientale del servizio nel suo complesso come ad esempio riducendo l’utilizzo della carta, il ricorso al recapito postale, la diminuzione dei trasporti e degli spostamenti su gomma. Questa impostazione si sposa con l’impegno che più generale Acque SpA conduce da tempo nell’ambito della sostenibilità ambientale: dalla promozione del consumo dell’acqua potabile come acqua da bere alla riduzione delle perdite sulla rete idrica, dal contenimento dei consumi energetici al potenziamento della capacità depurativa dei propri impianti, dall’educazione ambientale nelle scuole alle campagne sul risparmio.

 

 

Ultimi articoli

Maturità: fra social, digital e amarcord arriva l’Esame 2024

Mastercard, dal 2030 per gli acquisti online basterà una passkey

Fascicolo Sanitario Elettronico 2.0: la sanità pubblica è finalmente digitale?

Calendario eventi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Skip to content