Cerca
Close this search box.
Cerca
Close this search box.
0%
Premi per ascoltare

La Asp di Potenza apre un ambulatorio contro il cyberbullismo

Quattro minori su dieci sono stati testimoni di atti di bullismo online verso coetanei a causa dell’aspetto fisico (67%), per orientamento sessuale (56%) o perché stranieri (43%). Il cyberbullismo è percepito dal 72% di giovanissimi e adolescenti come il fenomeno sociale più pericoloso del proprio tempo (dati Save the Children, Febbraio 2013). In risposta al disagio crescente, la Asp di Potenza (@ASPPOTENZA) ha istituito l’ambulatorio dedicato al contrasto del cyberbullismo la cui attività è finalizzata al riconoscimento precoce della sofferenza psicologica anche attraverso un intervento di rete con la scuola, i Servizi Sociali del Tribunale per i Minorenni, l’Associazione di Promozione Sociale “Il cielo nella Stanza” e il Dipartimento di Salute Mentale.

Quando indicato, il minore sarà sostenuto attraverso percorsi individuali e di gruppo. L’attività di prevenzione sarà prevalentemente svolta in ambito scolastico e diretta a discenti, genitori e docenti. L’Ambulatorio nasce sul modello dell’omonimo ambulatorio istituito presso il Policlinico Gemelli nel marzo 2014, con cui è in atto una collaborazione scientifica. L’equipe dell’ambulatorio è composta da psicologi,assistenti sociali. psichiatri, pediatri e da volontari del settore. Il bullismo è un comportamento prevaricatorio, aggressivo, reiterato, ed intenzionale, messo in atto da uno o più individui definiti bulli, nei confronti di un altro individuo designato come vittima. La progressiva diffusione di strumenti tecnologici e il loro utilizzo online ha comportato nel corso degli anni una amplificazione della frequenza e della intensità delle comunicazioni che, in particolare nel caso dei minori, non consente un adeguato controllo da parte degli adulti. Questa moderna modalità di interagire con i coetanei, ha consentito anche lo svilupparsi di nuove forme di aggressività agita dal gruppo, definita cyberbullismo che pur esprimendosi attraverso le già note caratteristiche del bullismo, si articola in tempi e confini spaziali offerti da internet che sono fuori dall’ordinario controllo esercitato dalla precedente generazione di genitori, con il risultato che gli adulti a cui oggi è affidata la funzione educativa, si trovano impreparati a comprendere e ad intervenire in maniera efficace.

Ultimi articoli

Sono 29 le città che hanno un buon livello di maturità digitale

Auto elettriche, in arrivo nuove tasse 

Presentata la Carta di Trieste per l’Intelligenza Artificiale

Calendario eventi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Skip to content