Cerca
Close this search box.
Cerca
Close this search box.
0%
Premi per ascoltare

Oltre 40mila followers in meno di un anno per l’account della Camera

Quasi 42mila followers in meno di un anno di cinguettii. Questo il bilancio dell’account Twitter della Camera (@montecitorio) che decretano il successo della scelta di puntare sulla nuova comunicazione per informare i cittadini: basta pensare che l’account ha fatto registrare una crescita media di 500 follower alla settimana.t1 Leggendo i dati (diffusi nei giorni scorsi nel fascicolo “Cifre e fatti – L’attività della Camera nei primi 21 mesi di Legislatura”) non bisogna inoltre dimenticare che il primo tweet di benvenuto è stato pubblicato il 14 gennaio scorso, per ottenere la verifica dell’account, ma è dal 25 febbraio che il profilo è diventato propriamente attivo e documenta quotidianamente e in tempo reale quanto avviene alla Camera, con una media di 14 tweet al giorno. “Le interazioni con gli utenti di Twitter hanno generato oltre 40.000 tra mention, retweet e favorite con un sentiment complessivamente positivo – si legge nel fascicolo -: gli utenti hanno, infatti, riconosciuto il valore istituzionale dei presidi”. Per quanto riguarda i contenuti trattati “hanno spaziato dalle attività parlamentari (oltre il 50%), a contenuti divulgativi per rendere edotti gli utenti del Web sui meccanismi della Camera e delle norme, alla copertura di eventi tematici e speciali organizzati a Montecitorio, anche in tempo reale”. Da segnalare che accanto all’attività su Twitter, la ‘svolta social’ della Camera ha visto crescere anche il canale Youtube che è online dal 2008 ma durante l’anno è stato rinnovato “con la creazione di nuove playlist e di una linea editoriale più tematizzata. Dall’inizio dell’anno è aumentata la produzione di video caratterizzati da format nuovi, più idonei alla comunicazione sulle piattaforme digitali. La trasmissione in diretta streaming di eventi politici significativi svolti a Montecitorio hanno determinato un deciso incremento delle visualizzazioni”, si legge ancora nel dossier.y2

Un bilancio in positivo dunque come si spiega nel fascicolo: “Nel 2014 la Camera dei deputati ha avviato la propria comunicazione sui social media nell’ottica di: avvicinare i cittadini all’istituzione  divulgare l’attività parlamentare  valorizzare il patrimonio storico e culturale della Camera”. Interessante anche ripercorrere le tappe della strategia social: “I primi passi nella concretizzazione della presenza della Camera dei deputati sui social media sono stati la creazione di una “social media policy” comune per la gestione e la moderazione dei diversi presidi e l’apertura dell’account Twitter @montecitorio. Si è, poi, proceduto con l’apertura dei commenti sul canale YouTube, dell’account Flickr per le fotogallery, dell’account EventBrite e della piattaforma Camera.civi.ci per la registrazione agli eventi, la raccolta di proposte e le consultazioni pubbliche e, infine, com la pubblicazione di un Questionario online rivolto agli utenti di Camera.it per migliorare l’organizzazione dei contenuti e una revisione grafica”.y1

 

Ultimi articoli

Registro delle Opposizioni: un flop tutto italiano

Pc CoPilot+, Microsoft inaugura la nuova era dei computer puntando sull’AI

Arte e Metaverso: sfruttare la tecnologia per un’esperienza unica

Calendario eventi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Skip to content