Cerca
Close this search box.
Cerca
Close this search box.
0%
Premi per ascoltare

Selfie tra autostima e autoscatto

C’è una enorme differenza tra i sentimenti che le persone vogliono trasmettere attraverso un proprio autoscatto e ciò che percepisce chi guarda quella foto. E’ questo ciò che è emerso da “I love my selfie. Autostima e autoscatto nel nuovo millennio”, la ricerca promossa dall’associazione culturale Puntila di Cagliari per capire che cosa si vuole dire al mondo attraverso un proprio selfie e che cosa, invece, l’immagine comunica davvero a chi la osserva.

Da ottobre, sino al 20 novembre, un team di esperti psicologi, sotto la supervisione di Renato Troffa, dottore di ricerca in Psicologia, ricercatore e docente di Psicologia sociale, Psicologia della Comunicazione e Psicologia ambientale, ha raccolto e selezionato oltre 200 selfie provenienti dalla Sardegna e dal mondo. Fotografie arrivate grazie alla campagna che Puntila ha lanciato sui media tradizionali e sui social per invitare chiunque volesse partecipare alla ricerca a inviare un proprio autoscatto.

La squadra coordinata da Renato Troffa ha analizzato e dato un parere su ognuno degli scatti arrivati, divisi nelle tre grandi categorie di questo tipo di foto: quelle che semplicemente ritraggono persone, quelli in cui la persona è utilizzata per mostrare qualcos’altro, quelle in cui la persona è solo la scusa usata per fotografare lo sfondo.

Ciascuna foto è stata valutata in maniera neutra, senza filtri particolari: indipendentemente quindi dalla preparazione in materia di psicologia di chi la osservava. Il risultato ha mostrato la grandissima differenza di vedute tra chi si è fotografato e chi ha guardato la foto. “In generale- spiega Renato Troffa- abbiamo osservato che i sentimenti di chi ha realizzato il selfie sono molto positivi, mentre quelli di chi l’ha guardato sono molto negativi”. In questo, continua Troffa, “si intravede quasi una netta divisione tra persone favorevoli a comunicare tramite i selfie, e altre totalmente contrarie”. Insomma: chi realizza un autoscatto tende a sovrastimare il suo messaggio, chi lo guarda tende, al contrario, a dargli una valutazione completamente opposta.

 

Ultimi articoli

Il Comune di Reggello presenta il nuovo sito web di Visit Reggello

Ecco l’avatar che risponde al 112 con la lingua dei segni

All’Ospedale di Massa l’AI aiuterà i pazienti con asma grave

Calendario eventi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Skip to content