Cerca
Close this search box.
Cerca
Close this search box.
0%
Premi per ascoltare

Viaggi e vacanze, quando la rete ti tende una mano

Si sa, l’epoca di internet ha rivoluzionato il modo in cui si va in vacanza. La crisi delle agenzie di viaggi e la possibilità di prenotare voli e alloggi con un click non è però l’unica misura del cambiamento. Le vacanze si sono fatte sempre più social e coniugano la possibilità di entrare in contatto con le persone sparse in tutto il mondo e le esigenze di chi ama viaggiare, spesso low cost. Sono infatti sempre più numerose le piattaforme web che permettono di creare profili personali, finalizzati a trovare soluzioni su misura per organizzare le proprie vacanze.

Un esperimento magistralmente riuscito è quello della sempre più nota Airbnb.com, il sito degli Affittacamere privati  2.0, che offrono sistemazioni a prezzi generalmente contenuti per tutti i gusti, ma proprio tutti: dormire in una house boat ormeggiati lungo i canali di Amsterdam, in una roulotte in California, in una casetta sull’albero in Toscana, in una casa stregata o semplicemente in una tranquilla e ben arredata cameretta nel quartiere più alternativo di Londra diventa possibile grazie a questo strumento. Per accedere alla community di Airbnb occorre creare un proprio profilo, caricare una foto, raccontare qualcosa di se stessi e poi iniziare la ricerca. Chi ospita, gli host, hanno un account consultabile a loro volta. L’affare si conclude tramite messaggi privati ed il sito sollecita la risposta veloce da parte degli host, di cui è possibile consultare le recensioni.

Se il budget è inferiore ma non lo è la voglia di viaggiare e di conoscere, una buona soluzione è quella di cercare ospitalità su couchsurfing.org. “Hai molti amici sparsi in tutto il mondo, solo che non li hai ancora conosciuti”, è il motto di questa community che offre la possibilità di essere ospitati in tutto il mondo e magari ricambiare, anche se si ha a disposizione solo un divano, appunto. L’editing del profilo e la capacità di ispirare fiducia risultano ancora una volta fondamentali, soprattutto dato il rapporto non commerciale che lega host e hosted. Molto importante è anche rendere la nostra città attraente se si decide di essere host ed informare i membri della community sugli eventi e i punti di interesse nelle vicinanze.

Per chi è interessato a esperienze che coniugano il viaggio e il lavoro all’estero la soluzione è workaway.info, l’idea di base è semplice: poche ore di onesto lavoro in cambio di vitto e alloggio gratuiti. Gli host e i workawayers hanno un profilo che deve contenere notizie sullo stile di vita, i lavori richiesti,  quelli accettati e la tipologia di alloggio offerto.

Social networks anomali, sfruttano il  web e il contatto virtuale solo come primo step  che dovrà avere corrispondenza nella realtà. Il dubbio però può sorgere spontaneo: come si fa a essere sicuri di non aver a che fare con malintenzionati? Come fidarsi e accogliere stranieri a casa propria? La risposta è la community stessa. Né gli host né gli hosted avrebbero nessun interesse nell’assumere comportamenti scorretti, questo  porterebbe solo cattive recensioni e soprattutto romperebbe la reciproca fiducia, che è tutto ciò su cui si basa il bene di entrambe le parti nel periodo del soggiorno.

Buon Viaggio!

Ultimi articoli

Sono 29 le città che hanno un buon livello di maturità digitale

Auto elettriche, in arrivo nuove tasse 

Presentata la Carta di Trieste per l’Intelligenza Artificiale

Calendario eventi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Skip to content