Cerca
Close this search box.
Cerca
Close this search box.
0%
Premi per ascoltare

Apple entra nel consiglio di amministrazione di OpenAI

Apple e OpenAI

Apple ha annunciato la sua entrata nel consiglio di amministrazione di OpenAI, l’organizzazione di ricerca no-profit che lavora sull’intelligenza artificiale generale. In questa mossa strategica, Phil Schiller, Apple Fellow e veterano di lunga data dell’azienda, assumerà il ruolo di “osservatore” nel consiglio.

Questa partnership segna un’unione significativa tra due giganti dell’industria tecnologica, con l’obiettivo di plasmare il futuro dell’intelligenza artificiale. L’accordo offre ad Apple un posto al tavolo per osservare e fornire input sulle ricerche all’avanguardia di OpenAI in materia di AGI, mentre allo stesso tempo consente all’organizzazione di beneficiare dell’esperienza e delle risorse di Apple.

Il ruolo di osservatore di Schiller non gli conferisce il diritto di voto, ma gli permette di partecipare alle riunioni del consiglio e di essere informato sulle decisioni di OpenAI. Questa posizione strategica garantirà ad Apple una visione approfondita del lavoro di OpenAI, pur rimanendo neutrale rispetto alle direzioni di ricerca specifiche.

L’ingresso di Apple nel consiglio di amministrazione di OpenAI è avvenuto in concomitanza con l’annuncio dell’integrazione di ChatGPT, il potente strumento di chatbot sviluppato da OpenAI, in iOS 18. Questa integrazione apre nuove possibilità per l’interazione uomo-macchina, offrendo agli utenti di iPhone un’interfaccia più intuitiva e naturale con i dispositivi.

La partnership tra Apple e OpenAI ha generato reazioni contrastanti. Alcuni vedono questa collaborazione come un passo positivo verso uno sviluppo più responsabile e condiviso dell’intelligenza artificiale, mentre altri esprimono preoccupazioni per il potenziale controllo di Apple su tecnologie così potenti.

Nonostante le diverse opinioni, l’ingresso di Apple nel consiglio di amministrazione di OpenAI rappresenta un evento significativo nel panorama dell’intelligenza artificiale. L’impatto a lungo termine di questa partnership rimane da vedere,ma è chiaro che plasmerà il futuro di questa tecnologia rivoluzionaria.

Ultimi articoli

All’Ospedale di Massa l’AI aiuterà i pazienti con asma grave

Pagamenti digitali in Italia: nel 2024 un’ulteriore accelerazione verso un futuro cashless

Le priorità degli under 30 toscani “fotografate” con l’AI

Calendario eventi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Skip to content