Cerca
Close this search box.
Cerca
Close this search box.
0%
Premi per ascoltare

Pc CoPilot+, Microsoft inaugura la nuova era dei computer puntando sull’AI

CoPilot+ PC

Acer, Asus, Dell, Hp, Lenovo e Samsung puntano su CoPilot+ e rivoluzionano il mondo dei pc grazie all’intelligenza artificiale

Da pochi giorni il colosso di Redmond ha ufficializzato la voce che circolava da mesi: arrivano i nuovi Copilot+ PC, i laptop che hanno nell’intelligenza artificiale il loro punto forte.  

 “Una nuova era AI inizia oggi“, ha affermato l’AD di Microsoft, Satya Nadella, e cinque tra i partner più forti hanno subito risposto presente con tante novità pronte a uscire in commercio. Acer, Asus, Dell, HP, Lenovo e Samsung hanno infatti aggiornato i propri cataloghi con i prodotti che per la prima volta sfruttano l’AI per l’esecuzione di molteplici funzionalità senza dover passare dal cloud. 

Ma quali sono le prestazioni dei nuovi pc CoPilot+?

Stando alle dichiarazioni del keynote, i pc CoPilot+ risultano fino al 58% più veloci dei MacBook Air con chip M3. I nuovi notebook monteranno processori Snapdragon X Elite e Plus forniti da Qualcomm oltre che gli Strix Point e Lunar Lake che presto saranno lanciati da Amd e Intel. 

Oltre alla potenza della NPU, altri tre requisiti per i Copilot+ PC sono una memoria RAM da almeno 16 GB, un disco SSD e la presenza sulla tastiera del tasto Copilot.

Per ottenere la certificazione e il marchio Copilot+ PC non è obbligatorio usare i chip di Qualcomm e il sistema operativo Windows on ARM, ma è necessario che il chip abbia una NPU in grado di sviluppare una potenza di almeno 40 TOPS (trillion operations per second).

Avvalendosi dell’integrazione dell’ultimo modello di linguaggio GPT-4o atteso a breve, l’intelligenza artificiale sarà in grado di fornire utilità come il miglioramento della resa di microfoni e webcam o la produttività nella ricerca e ottimizzazione dei documenti, passando dalla creazione di memorie fotografiche che monitorano tutte le attività sul computer. I processi avverranno in modo locale e privato sul dispositivo, senza condividere dati per l’addestramento.

Ultimi articoli

All’Ospedale di Massa l’AI aiuterà i pazienti con asma grave

Pagamenti digitali in Italia: nel 2024 un’ulteriore accelerazione verso un futuro cashless

Le priorità degli under 30 toscani “fotografate” con l’AI

Calendario eventi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Skip to content