Cerca
Close this search box.
Cerca
Close this search box.
0%
Premi per ascoltare

Oltre 1.200 Comuni e Scuole migliorano i servizi digitali grazie al cloud

comuni e scuole verso il cloud

Centrato il target PNRR per la migrazione di Comuni e Scuole al cloud

Il processo verso una piena trasformazione digitale della Pubblica amministrazione fa un grande passo in avanti grazie a 1.200 Comuni e Scuole che hanno migrato i propri sistemi, dati e applicazioni verso servizi cloud qualificati.

È stato così superato il target nazionale previsto dal PNRR che prevedeva la migrazione al cloud di 1.064 enti entro il 30 settembre 2023.

Per i cittadini, ciò significa 9.500 servizi digitali più moderni e affidabili, in grado ridurre le code agli sportelli, migliorare la qualità della gestione amministrativa e didattica, semplificare i processi interni e aumentare l’efficienza delle amministrazioni locali.

Il progetto, promosso dal Dipartimento per la trasformazione digitale della Presidenza del Consiglio dei Ministri in collaborazione con attori istituzionali come il Ministero dell’Istruzione e del Merito e l’ANCI, rientra nella misura 1.2 del PNRR “Abilitazione e facilitazione delle PA locali nella migrazione al cloud” e mette a disposizione 1 miliardo di euro prevedendo un programma di supporto e incentivo per migrare sistemi, dati e applicazioni delle PA locali verso servizi cloud qualificati. 

A marzo 2023, 14 mila amministrazioni locali italiane hanno aderito agli Avvisi pubblici per la migrazione al cloud completando nei tempi previsti il traguardo europeo del PNRR e in linea con la Strategia Cloud Italia.

Ma in che modo questa misura aiuterà le PA locali a semplificare il rapporto con i cittadini?

I servizi digitali nei Comuni

Comuni ampliano i propri strumenti digitali per una gestione più efficiente e rapida dei bilanci annuali e pluriennali. Migliorano l’archiviazione di atti e registri dello stato civile, come le attività in materia di cittadinanza, divorzi, separazioni e testamento biologico nonché il rilascio di certificati, rispettando elevati standard di privacy e sicurezza.

I Comuni possono condividere con maggiore precisione e rapidità le statistiche demografiche verso enti come l’Istat e potenziare nel complesso l’offerta di servizi pubblici per i cittadini.

I servizi digitali nelle scuole

Nelle realtà scolastiche aumenta la qualità e la rapidità con cui sono salvate le informazioni relative alle presenze, agli esami e all’andamento didattico degli studenti, i libri di testo e le votazioni finali. Inoltre, le Scuole ampliano gli strumenti digitali per la propria gestione economica, del personale e dell’inventario, a vantaggio della pianificazione didattica.

Tutto ciò si accompagna ad una gestione più sicura dei dati, grazie alla sicurezza e affidabilità offerte dalle piattaforme cloud qualificate dell’Agenzia per la cybersicurezza nazionale.

Ultimi articoli

A Siena il confronto tra le best practices della sanità digitale

In Toscana arriva il Festival della Robotica

Calendario eventi

Una risposta

  1. Mi piacerebbe infinitamente sapere quanti di questi 1200 sono migrati verso sistemi cloud che si rifanno a servizi USA quali Azure, google, AWS e simili… Illegali in Europa.
    E mi chiedo quanti di questi comuni hanno seguito le leggi invece che affidarsi ciecamente al consulente incompetente di turno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Skip to content