Cerca
Close this search box.
Cerca
Close this search box.
0%
Premi per ascoltare

Parte la fase due dell’euro digitale

Parte la fase due dell'euro digitale

La Banca Centrale Europea ha indicato che inizia la fase due dell’euro digitale. A seguito di un periodo istruttorio di due anni, diventa quindi più probabile la realizzazione di una valuta digitale.

La fase due, ovvero quella di preparazione, includerà analisi, test e sperimentazioni, oltre ad una consultazione con tutte le parti interessate a garantire che l’euro digitale soddisfi i più elevati standard di privacy, qualità, sicurezza e usabilità.

Cosa è l’euro digitale?

“Stiamo studiando, insieme alle banche centrali nazionali dei paesi dell’area dell’euro, la possibilità di introdurre un euro digitale. Si tratterebbe di una valuta digitale della banca centrale, un equivalente elettronico del contante. Affiancherebbe le banconote e monete, offrendo alle persone più scelta su come pagare” si legge sul sito della Banca Centrale Europea.

La valuta digitale della Bce rafforzerebbe l’autonomia strategica e la sovranità monetaria dell’area dell’euro, potenziando la resilienza a eventuali attacchi cibernetici o blackout.

Oltre ad essere inclusivo, sicuro e gratuito, l’euro digitale, come dichiara la Bce:

  • sarà fruibile per qualsiasi pagamento nell’area euro;
  • può essere utilizzato anche offline;
  • offre la massima tutela possibile della privacy in quanto la Bce non conserva i dati personali degli utenti;
  • è privo di rischio (come denaro emesso dalla banca centrale);
  • sarà utilizzabile per pagamenti istantanei sicuri in negozi fisici e online e tra privati, indipendentemente dal paese dell’area dell’euro in cui si trovano o dal fornitore di servizi di pagamento presso cui hanno un conto.

Riguardo l’autonomia strategica, si ridurrebbe la dipendenza dell’Europa dai fornitori di servizi di pagamento privati non europei, controbilanciando la loro posizione dominante sul mercato. Quando avviene un pagamento, ci sarebbe dunque un contatto diretto rispetto alla Banca Centrale Europea, senza la necessità di intermediazione delle banche.

Ultimi articoli

Registro delle Opposizioni: un flop tutto italiano

Pc CoPilot+, Microsoft inaugura la nuova era dei computer puntando sull’AI

Arte e Metaverso: sfruttare la tecnologia per un’esperienza unica

Calendario eventi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Skip to content